Logo della Ecologica Sangro VERSIONE GRAFICA





Sommario della pagina


CHI SIAMO
la nostra realtà 


L'Ecologica Sangro S.p.A., nata nel 1987 con sede legale ed operativa a Lanciano (CH), opera nel settore della gestione integrata dei rifiuti solidi urbani dell'area comprensoriale del frentano e del sangro aventino (53 comuni), per un bacino di utenza pari a ca. 150.000 abitanti.

L'Ecologica Sangro rappresenta una delle più innovative realtà aziendali del centro-sud Italia, operanti nel settore dell'ecologia.

Nel rispetto delle realtà territoriali e geologiche dell'ambiente circostante, l'Ecologica Sangro è strutturata in modo da garantire efficienti servizi che spaziano dal trasporto e raccolta rifiuti sino alla progettazione e realizzazione di impianti di smaltimento e recupero (anche energetico) degli stessi, in piena adesione al Protocollo di Kyoto ed alle più recenti normative europee vigenti in materia.

Professionalità e competenza aziendali - confermate anche dall'ottenimento, a pochi anni dalla sua costituzione - delle certificazioni in materia di Qualità ed Ambiente (ISO 9001:2000 ed ISO 14001) hanno permesso all'Ecologica Sangro di realizzare, ad oggi:

torna su

ENERGIA
Energia dal gas di discarica

Energia fotovoltaica

Il parco fotovoltaico di Lanciano, in funzione dal mese di Aprile 2011 in località Cerratina a contrada Serre, si estende su un territorio di dieci ettari di terreno. L’impianto ha una potenza di 4 MWp, che consente:



torna su

ATTIVITA'


Nel rispetto delle realtà territoriali e geologiche dell'ambiente circostante, in piena adesione al Protocollo di Kyoto ed alle più recenti normative europee vigenti in materia, l' Ecologica Sangro S.p.a. è strutturata in modo da garantire efficienti e variegate attività quali :

torna su

FUNZIONAMENTO DELL'IMPIANTO
Impianto di recupero energetico del gas di discarica

Il biogas, costituito prevalentemente da metano (almeno il 50%) ed anidride carbonica, si produce in seguito ad un processo batterico di fermentazione anaerobica di materiale organico di origine vegetale ed animale.
La legislazione fa riferimento ai “gas di discarica”, ai “gas residuati dai processi di depurazione” ed al “biogas”. La loro classificazione normativa evidenzia la molteplicità di matrici organiche da cui il biogas può essere prodotto: rifiuti conferiti in discarica ovvero frazione organica dei rifiuti urbani, fanghi di depurazione, deiezioni animali, residui colturali, scarti organici agro-industriali, scarti di macellazione, ecc… Il biogas ha un ottimo potere calorifico che, grazie al notevole contenuto di metano, si presta ad una valorizzazione energetica per combustione diretta, realizzata in caldaia per sola produzione di energia termica; in motori accoppiati a generatori, invece, per produzione di energia elettrica e termica.

Nello specifico, il biogas prodotto dalla degradazione anaerobica della frazione organica dei rifiuti solidi urbani conferiti in discarica, viene aspirato mediante un sistema di captazione costituito da pozzi di estrazione verticali e trincee perimetrali.

Ogni elemento di captazione è collegato da una tubazione (linea secondaria) ad uno dei collettori secondari o principali posti sul perimetro della discarica che hanno la funzione di regolare il flusso di captazione mediante apposite valvole e sistemi di monitoraggio. Il gas viene quindi convogliato verso la centrale di estrazione per mezzo di tubazioni (linee primarie), interrate sul perimetro della discarica.

Il cuore della centrale di estrazione è costituito da un aspiratore in grado di applicare la necessaria depressione a tutta la rete di captazione del biogas e fornire, contemporaneamente, la pressione necessaria al biogas per alimentare i gruppi elettrogeni e/o le torce.

L'impianto di produzione di energia elettrica è costituito da un gruppo elettrogeno e dall'impianto elettrico di trasformazione della tensione. L’energia elettrica prodotta, una volta trasformata da bassa a media tensione tramite apposite apparecchiature, viene immessa nella rete di distribuzione e, quindi, utilizzata dalle utenze.

torna su

IMPIANTI
La discarica consortile



Realizzata nel 1994 ed in esercizio dal 1995, la discarica consortile è classificata come “discarica per rifiuti non pericolosi” (ex categoria 1A) ed è suddivisa in 3 lotti, per una capacità complessiva di oltre 2.000.000 di metri cubi.

La discarica, in linea con la Direttiva comunitaria 1999/31/CE recepita in Italia con il D.Lgs 36/2003, è stata realizzata adottando tutti i requisiti tecnici necessari alla salvaguardia delle matrici ambientali interessate (acqua, aria, suolo e sottosuolo).

La caratteristica intrinseca e distintiva dell’impianto è la sua barriera geologica naturale a bassissima permeabilità, costituita da un banco di argilla grigio–azzurra del tardo pleistocene dello spessore di centinaia di metri (componente naturale), completata, sia sul fondo che sugli argini, con teli sintetici in PEAD dello spessore di 2 mm (componente artificiale) e con il sistema di drenaggio del percolato (componente costruita).

La discarica è dotata altresì di un impianto di captazione e recupero del biogas con produzione di energia elettrica, di una rete di raccolta e pretrattamento delle acque meteoriche e di opere accessorie quali: fabbricato ufficio, impianto di pesatura, ufficio pesa, centralina meteorologica, etc..

Attualmente l'impianto serve 53 Comuni della Provincia di Chieti (ca. 150.000 abitanti), produttori privati ed altri Comuni della Regione Abruzzo in regime di ordinanza, per un conferimento medio di ca. 100.000 tonnellate/anno.

torna su

IMPIANTI
Impianto di recupero energetico del gas di discarica


Il biogas, costituito prevalentemente da metano (almeno il 50%) ed anidride carbonica, si produce in seguito ad un processo batterico di fermentazione anaerobica di materiale organico di origine vegetale ed animale.
La legislazione fa riferimento ai “gas di discarica”, ai “gas residuati dai processi di depurazione” ed al “biogas”. La loro classificazione normativa evidenzia la molteplicità di matrici organiche da cui il biogas può essere prodotto: rifiuti conferiti in discarica ovvero frazione organica dei rifiuti urbani, fanghi di depurazione, deiezioni animali, residui colturali, scarti organici agro-industriali, scarti di macellazione, ecc… Il biogas ha un ottimo potere calorifico che, grazie al notevole contenuto di metano, si presta ad una valorizzazione energetica per combustione diretta, realizzata in caldaia per sola produzione di energia termica; in motori accoppiati a generatori, invece, per produzione di energia elettrica e termica.

Nello specifico, il biogas prodotto dalla degradazione anaerobica della frazione organica dei rifiuti solidi urbani conferiti in discarica, viene aspirato mediante un sistema di captazione costituito da pozzi di estrazione verticali e trincee perimetrali.

Ogni elemento di captazione è collegato da una tubazione (linea secondaria) ad uno dei collettori secondari o principali posti sul perimetro della discarica che hanno la funzione di regolare il flusso di captazione mediante apposite valvole e sistemi di monitoraggio. Il gas viene quindi convogliato verso la centrale di estrazione per mezzo di tubazioni (linee primarie), interrate sul perimetro della discarica.

Il cuore della centrale di estrazione è costituito da un aspiratore in grado di applicare la necessaria depressione a tutta la rete di captazione del biogas e fornire, contemporaneamente, la pressione necessaria al biogas per alimentare i gruppi elettrogeni e/o le torce.

L'impianto di produzione di energia elettrica è costituito da un gruppo elettrogeno e dall'impianto elettrico di trasformazione della tensione. L’energia elettrica prodotta, una volta trasformata da bassa a media tensione tramite apposite apparecchiature, viene immessa nella rete di distribuzione e, quindi, utilizzata dalle utenze.


torna su

IMPIANTI
L’impianto di trattamento meccanico dei rifiuti


L'impianto di trattamento meccanico dei rifiuti è stato realizzato nel 2005 nell'ambito di un opificio industriale di circa 1.000 mq. Il lay-out impiantistico, progettato nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia, si articola in quattro diverse fasi. In una prima fase di ricezione, i rifiuti in ingresso vengono scaricati in una camera all'interno dell'impianto di trattamento per poi essere prelevati e trasportati in un trituratore (fase di triturazione).

Successivamente, con la vagliatura, il materiale triturato viene separato ulteriormente in due distinte frazioni: una frazione secca (materiale leggero con tasso di umidità inferiore al 5%) ed una frazione umida (materiale pesante con tasso di umidità superiore al 50%).

Infine, con il caricamento, le due frazioni provenienti dalla vagliatura vengono movimentate e poste all'interno di due semirimorchi autocompattanti. La compattazione attribuisce al rifiuto la possibilità di essere movimentato più agevolmente, impegnando un minor volume nella successiva fase di conferimento.

torna su

IMPIANTI
L'impianto fotovoltaico


Il parco fotovoltaico di Lanciano, in funzione dal mese di Aprile 2011 in località Cerratina a contrada Serre, si estende su un territorio di dieci ettari di terreno. L’impianto ha una potenza di 4 MWp, che consente:

torna su

QUALITA'
Qualità 

La Ecologica Sangro gestisce le proprie attività  ed eroga i servizi secondo criteri di qualità , salvaguardia dell'ambiente e rispetto della salute e della sicurezza dei lavoratori.
Per conseguire obiettivi volti ad assicurare la continuità , affidabilità  ed ampliamento dei servizi la DECO ha adottato un Sistema Integrato Qualità , Ambiente, Sicurezza che si basa sui seguenti principi fondamentali:

torna su

EDUCAZIONE AMBIENTALE


Sensibile all' informazione verso l' esterno, Ecologica Sangro si pone come obiettivo costante quello di fornire conoscenze sempre più adeguate circa la propria realtà aziendale e l' interdipendenza tra il suo operato e l' attenzione alla salvaguardia dell' ambiente.

Costruire un futuro sostenibile vuol dire, infatti, non solo evolversi nella ricerca e nell' utilizzo delle migliori tecnologie, ma anche sentirsi azienda inserita nel complesso sistema di relazioni con istituzioni, cittadini, giovani, associazioni e con tutti coloro chiamati, direttamente o indirettamente, ad essere parte attiva nei processi decisionali del proprio territorio.

A tal fine, Ecologica Sangro promuove convegni, visite guidate ai propri impianti e tutte quelle attività formative che si concretizzano nell' attuazione di comportamenti ed atteggiamenti positivi volti alla più ampia salvaguardia delle risorse naturali e culturali di cui tutti noi siamo custodi.

torna su

DOWNLOAD
professionisti per natura
Scarica Brochure informativa
Brochure informativa Ecologica Sangro S.p.a. 
Scarica Rassegna stampa Bussi
Scarica la rassegna stampa di Bussi
Scarica Rassegna stampa Lanciano
Scarica i file relativi alla rassegna stampa: firma protocollo d'intesa per la raccolta differenziata presso la casa circondariale di Lanciano.
torna su

CONTATTI
come contattarci o raggiungerci
torna su

LINKS
alcuni collegamenti utili

visita il sito di Ambientediritto

sito del Diritto ambientale  

visita il sito di APAT-SINAnet

sito della APAT

visita il sito di APER

Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili 

visita il sito di ARTA Abruzzo

Sito della ARTA Abruzzo

visita il sito di ATIA

Sito ATIA

visita il sito di Autorità per l'energia elettrica ed il Gas

sito dell'Autorità per l'energia elettrica ed il Gas

visita il sito di CIC

SITO CIC

visita il sito di CNR

sito del Consiglio Nazionale delle Ricerche 

visita il sito di Comune di lanciano

sito del comune di Lanciano

visita il sito di Consorzio smaltimento rifiuti lanciano

-

visita il sito di CTI

sito del Comitato Termotecnico Italiano

visita il sito di Eco-comm.it

sito del Diritto dell'Ambiente 

visita il sito di ENEA

sito del Ente per le nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente  

visita il sito di EREF

sito del European Renewable Energy Federation 

visita il sito di EUBIA

sito del European Biomass Industry Association  

visita il sito di GME

sito del Gestore Mercato Elettrico 

visita il sito di GSE

sito del Gestore Servizi Elettrici 

visita il sito di IEA

sito del International Energy Agency 

visita il sito di ISWA

Sito ISWA

visita il sito di Legambiente

Inserire il testo

visita il sito di MATT

sito del Ministero Tutela Ambiente e Territorio 

visita il sito di Provincia dell'Aquila

Sito della Provincia dell'Aquila 

visita il sito di Provincia di Chieti

Sito della Provincia di Chieti 

visita il sito di Provincia di Pescara

Sito della Provincia di Pescara 

visita il sito di Provincia di Teramo

Sito della Provincia di Teramo 

visita il sito di Regione Abruzzo

sito della Regione Abruzzo 

visita il sito di Sportello unico sangro aventino

sito dello sportello unico sangro aventino


torna su

© 2010 ECOLOGICA SANGRO SPA. Tutti i diritti riservati